La Storia

 

07/07/1985
Inizio' tutto in questa data.
In occasione della prima comunione uno zio mi regala il mitico Commodore 16 (lo ricordate.....):

ALIMENTAZIONE : trasformatore esterno Commodore da 6vdc
CPU: MOS 7501
SOUND CHIP: TED
RAM: memoria ram 16kb espandibile fino a 64kbyte
CLOCK MPU: da 0,89 khz fino a 1,76 Mhz rispettivamente PAL/NTSC
BASIC VERSION: Commodore BASIC v. 3.5
VIDEO OUT: una uscita video RF e una uscita video RGB PAL risoluzione 320x200 con 121 colori
SERIAL PORT: una seriale utilizzata per DISK DRIVE 1001, 1541, 1581, 1571 e stampante Commodore MPS 801 o simili
EXPANSION PORT: una porta espansioni memoria utilizzata anche per le cartucce GAME
RECORDER PORT: una porta per Commodore Datassette C2N o Commodore 1530 versione di colore nero con attacco Mini DIN 8 pin
JOYSTICK PORT: due porte joystick Mini DIN 8 pin
TASTIERA: 66 tasti con 4 programmabili
DIMENSIONI: 404 x 216 x 75
PESO : 1,5 kg

Commodore non fu mai rivoluzionaria nel marketing (fu detto che Commodore non riusciva a vendere acqua nel deserto). Il C-16 fu rilasciato nel 1984 con una versione di basic avanzatissima ma non era compatibile con il C-64 ne a livello hardware ne a livello software e cosi' le vendite furono scarse.
All'inizio era una buona game console. Poi la tentazione divento' irresistibile. Iniziai a leggere quel piccolo libricino grigio con su scritto "Guida all'utente" con tutti quei bei comandi......
Dopo poco iniziai a sviluppare programmini in Basic.
Dopo qualche anno iniziai il primo anno di Elettronica sperimentale. A scuola avevamo dei "veri computer" ElettronicaVeneta:

CPU: 8088
RAM: 640 KB
Scheda Video: CGA
Hard Disk: MFM 20 MB
Floppy da 360 KB 5.25"
Tastiera XT
Mouse
MS-DOS
: 3.20

Su quelli iniziai ad utilizzare il DOS ed il Turbo Pascal. Anche non avendo un computer a casa in breve tempo imparai ad utilizzare il DOS.
Ricordo ancora quando smanettavo con file Batch, config.sys, autoexec.bat, comandi interni, comandi esterni, .......
Dopo un po' ripresi lo sviluppo utilizzando il GW-Basic incluso in quella versione del DOS. Niente a che vedere con il basic del Commodore 16. Le potenzialita' erano nettamente superiori.
Il tempo passato su quelle "macchine" era troppo poco (solo due ore alla settimana se andava bene!!). Iniziai a smanettare con un mio compagno di classe che a casa aveva un computer XT con doppio floppy e senza hard disk.
Finalmente in occasione di una promozione i miei genitori comprarono il mio primo "vero computer":

Case: Desktop
CPU: Intel 80386 SX 16 MHz
RAM: 1 MB
Scheda video: EGA
Floppy: 1 floppy da 3.5" 1.44 MB + 1 floppy 5.25" da 1.2 MB
Hard Disk: Seagate MFM 40 MB
Tastiera AT
MS-DOS: 3.30

Non aveva il mouse ma era comunque una bomba!! Ricordo che pagai il primo pacco di 10 Floppy da 1.44 MB della Verbatim Lit. 50.000 !!!! (roba da pagare a rate con le mie possibilita' finanziarie dell'epoca :-)) )
L'unica cosa estremamente seccante era che il DOS 3.30 non poteva gestire partizioni maggiori di 33 MB e cosi mi tocco' partizionare il disco.
Continuai a sviluppare in GW-Basic. Dopo qualche piccolo programma gestionale scritto piu' a scopo didattico che per venderlo, pensai a qualcosa di piu' stimolante: un generatore di Database. Fu cosi che iniziai a scrivere il "Database Generator" che ben presto arrivo' alla versione 2.0 (DBG2) di cui dovrei avere ancora una copia su un floppy da 1.2 MB.
In pratica il DBG2, fornite le specifiche, si preoccupava di: generare il o i file di archivio, generare le righe di codice del programma che doveva gestire l'applicativo, salvarle in file .BAS che poi compilava in .EXE (che fatica trovare quei compilatori....).
Nel frattempo iniziavo a dare una occhiata ad un certo programma Microsoft che si chiamava "Windows 1.01" ed al DB3 della Ashton Tate.
Iniziai anche a sviluppare qualche piccolo applicativo gestionale destinato alla vendita (dovevo pur guadagnarmi qualche soldino).

Ricordo che quando acquistai il computer pensai: "a scuola gli HD da 20 MB sono mezzi vuoti, il mio amico non lo ha nemmeno, quindi con 40 MB dovrei farcela per qualche anno".
E fu cosi che arrivarono i tempi dello Stacker. Fu il primo software capace di aumentare la capacita' dell'Hard Disk utilizzando la compressione in tempo reale. Ricordo che era anche disponibile in versione hardware (una scheda che accelerava le operazioni di compressione/decompressione) ma era per chi aveva soldi da spendere.
Preso dalla disperazione del dover partizionare il disco ebbi la pessima idea di utilizzare la versione 4.00 del DOS. E' stata sicuramente la versione piu' penosa prodotta da Microsoft (paragonabile a Windows ME). Ricordo che dava una marea di problemi. Pensate che se volevo formattare un floppy mi diceva che la traccia "0" era danneggiata. Dovevo formattare i floppy da amici o a scuola :-(. Ricordo di aver letto da qualche parte che uno sviluppatore Microsoft dichiaro' che il DOS 4 fu "un esperimento". Alla fine feci il downgrade alla 3.30.

Iniziai ad utilizzare Windows 3.0. Niente a che vedere con la versione 1 (purtroppo mi sono perso la 2). Vi starete chiedendo come abbia fatto ad utilizzare Windows 3.0 senza mouse. Semplicemente con molta pazienza, tanti "ALT", "CTRL", "TAB", .... e pensando a quanto costasse un mouse. Comunque dopo qualche mese decisi con mio fratello di acquistare il Microsoft Mouse sfruttando la politica Education (-50%). Lo pagammo Lit. 80.000. Inoltre decidemmo di acquistare la Option Board 5.4 della Central Point. Ve la ricordate? era la scheda che ufficialmente serviva a leggere e scrivere su floppy formattati MAC ma in pratica copiava anche i floppy protetti.
Dopo mesi usci' il mitico DOS 5.00 che dicevano essere perfetto. Fu allora che io e mio fratello decidemmo di acquistarlo originale. Non ricordo quanto pagammo quello scatolino del "MS-DOS 5.00 Upgrade". Appena arrivati a casa in venti minuti il gioco era fatto. Il computer era aggiornato alla versione 5. Dopo un mese mi ero sciroppato tutto il manuale e formattato il PC. Finalmente un PC con una sola partizione e molta memoria base libera (vi ricordate i primi 640 KB?).

Fu in quel periodo che iniziai a lavorare con il rivenditore presso il quale acquistai mouse ed Option Board. All'inizio non era un gran lavoro. Mi occupavo di cose banali: assemblavo PC, mi occupavo delle riparazioni e delle garanzie, installazioni Hardware e Software (vi ricordate i tempi in cui l'Hardware lo dovevi configurare tu fisicamente ed il software non pretendeva di fare tutto da solo?). Fu allora che acquistai la mia prima stampante: una Commodore a getto d'inchiostro.

Dopo poco usci' Windows 3.1 che ovviamente venne installato quasi subito sul PC. Ricordo come rimasi male nel lanciare il famoso "Win /3" che doveva attivare la "Modalita' 386 Avanzata" e vedermi ricordare che erano necessari 2 MB di RAM.

Il lavoro andava migliorando anche perche' il mio capo visti i miei progressi nello sviluppo e nelle reti fatti in totale autonomia (accontentarmi non e' mai stato il mio forte) mi propose di occuparmi anche di queste cose. Avere a che fare con Clipper, Quick Basic, Carbon Copy, Novell Lite, Novell NetWare e gestire una piccola BBS era tutta un'altra cosa.

Fu allora che acquistai (o meglio i miei genitori acquistarono) il secondo computer:

Case: Big Tower
CPU: Intel 80486 DX 33 MHz
RAM: 8 MB
Cache: 256 KB
Controller: Cache Controller Tekram 1 MB
Scheda video: SVGA 65K colori
Hard Disk: Seagate 210 MB
Stampante Fujitsu DL-1100 Colore

L'unico rammarico era quello di aver dovuto dare in permuta il mio 386 per ridurre le spese.
Continuai ad occuparmi di reti e sviluppo per parecchio. Il lavoro c'era...
Questo rivenditore aveva i sorgenti dello SPIGA (famoso programma di contabilita' che era scritto in quick basic). Occorreva sempre realizzare nuove personalizzazioni oltre a programmi nuovi che ovviamente scrivevamo in Clipper.
Mi iscrissi all'universita' di Informatica e decisi di provarci facendo il pendolare tra Napoli e Salerno.
Nel 1994 il mio capo voleva realizzare un proprio pacchetto contabile partendo dai sorgenti SPIGA ormai abbondantemente personalizzati convertendo il tutto in Visual Basic per DOS e Windows (se io ero pazzo lui lo era almeno quanto me). Fu cosi che aprii questa breve parentesi con la programmazione ad oggetti.
La vita che facevo non era proprio "tranquilla". Ricordo che c'erano giorni in cui mi svegliavo alle 05:00 per andare all'universita' e poi tornavo alle 00:30 da lavoro.
Purtroppo i guadagni bassi e la tipica mentalita' degli "pseudo imprenditori" Napoletani che pretendono ed ottengono risultati ma non danno niente in cambio, rendevano la situazione sempre piu' insostenibile.
Fu a fine 1994 che decisi allora di iniziare a lavorare anche da solo rendendo sempre piu' saltuaria la collaborazione con "il mio capo".
A febbraio del 1995 interruppi definitivamente ogni mio rapporto lavorativo con quella persona, abbandonai l'universita' e richiesi l'anticipo di leva.
Ad aprile del 1995 ho iniziato il servizio militare. Per fortuna dopo due mesi a La Spezia sono stato destinato alla capitaneria di porto di Torre del Greco. Questo mi ha consentito di continuare a lavorare.
In questo periodo iniziai a dedicarmi anche al Training oltre che alla mitica Novell NetWare 4.
Ovviamente continuai a non avere una vita proprio "tranquilla". Continuavo a passare ore (spesso notturne) a scrivere codice ed eliminare bug.
Cominciai poi a concentrarmi maggiormente sul Networking (iniziando anche a lavorare con Windows NT) tralasciando, non senza rammarico, lo sviluppo.
Alla fine del 1997 ho abbandonato definitivamente lo sviluppo. Da quel momento ho continuato ad occuparmi esclusivamente di Networking e di training.
Nel 1998 la voglia di emergere mi ha spinto ad intraprendere il percorso delle certificazioni. Ad ottobre dello stesso anno ho sostenuto e superato l'esame su Windows NT Server 4.0 ottenendo la certificazione di
Microsoft Certified Professional.
Nel tempo non mi hanno mai abbandonato la voglia di conoscere, imparare e la perseveranza. Ad oggi ho ottenuto le seguenti certificazioni: MCP, MCT, MCSE Windows 2000, MCSE Windows 2003, MCSA Windows 2003: Messaging, MCSA Windows 2003: Security, Server+, Network+, CCNA.

Di tanto in tanto lavorando su server multiprocessori con giga di RAM, Windows Server 2003 e connessioni HDSL mi capita di ripensare al mio Commodore 16, ai KB di RAM, alla migrazione del mio PC da Windows for Workgroup 3.11 a Windows 95, alle connessioni a 9600 bps.....

Immagini Storiche